You are currently browsing the Alessandro Pasut | Blog posts tagged: Investire in Colombia


Colombia

Alessandro PasutColombia
Dian, amministrazione fiscale colombiana.
Le casse dello Stato colombiano hanno chiuso il 2018 con un bilancio più positivo del previsto: 121,3 miliardi di dollari per quanto riguarda le entrate relative alle attività economiche, con un + 5,5% rispetto all’anno precedente, e 23,1 miliardi di dollari per dazi e Iva, con un +8,4% rispetto all’anno precedente. In totale, quindi, l’importo recuperato è stato di 144,4 dollari, mentre nel 2017 ammontava a 136,4 miliardi di dollari.

L’economia della Colombia sta registrando una importante crescita e questo ha determinato l’aumento delle entrate sia dalle imposte sul reddito che dall’Iva. Anche l’impegno del Governo, sia nel contrastare l’evasione fiscale ed il contrabbando, che nell’assistenza ai contribuenti, ha contribuito al maggior introito del 2018 rispetto al 2017.

L’assistenza al cittadino-contribuente si è fatta in questi ultimi anni sempre più capillare. La Dian ha sparsi nel territorio 61 agenzie; call-center; un sito web con il servizio di live-chat; è presente sui social network, tra cui Facebook, Twitter, YouTube; punti di contatto presso le università.

Nel 2018, 5 milioni e mezzo di cittadini-contribuenti hanno presentato la dichiarazione on-line; 1,8 milioni di cittadini si sono identificate on-line tramite il sito del Registro Unico Tributario.

L’amministrazione fiscale, per ricordare ai contribuenti le scadenze, ha usato e-mail, sms, e lettere via posta.
I contribuenti in debito verso il fisco sono stati avvisati e sollecitati sia attraverso telefonate che con visite degli agenti.

(Fonte: Fisco Oggi)

 

Se siete interessati a ricevere ulteriori informazioni sulla Colombia,

cliccate qui!

Share

Colombia

Alessandro PasutColombia


L’economia della Colombia è in netto consolidamento tant’è che il Paese si è guadagnato la tripla B dalla agenzia Fitch, diventando il mercato più interessante dell’America Latina.
Nell’anno scorso il Pil è cresciuto del 1,9%. I settori che hanno sostenuto la crescita sono stati quelli dei servizi, dell’edilizia e della industria manifatturiera, mentre risulta in serio calo il settore dello sfruttamento minerario.
Altro dato significativo è quello dell’inflazione, che si attesta attorno al 4%, e quello della disoccupazione, che è rimasto attorno al 9%, ma anche le maggiori condizioni di sicurezza sociale determinano il crescente interesse dei capitali stranieri.
La Colombia incoraggia gli investitori stranieri e si sta adoperando per migliorare le infrastrutture, porti, aeroporti e ferrovie e la capitale, Bogotà, sta costruendo la prima linea della metropolitana.
I principali Paesi stranieri investitori sono gli Stati Uniti, la Spagna, il Messico e l’Italia, che si attesta al 20mo posto nella graduatoria mondiale.
Nel 2017 l’Italia ha esportato verso la Colombia soprattutto macchine, prodotti farmaceutici e strumenti di precisione, per un totale di 600 mln di euro, mentre ha importato caffè, olii e prodotti freschi, per un totale di 635 mln di euro.
Molte importanti aziende italiane sono attualmente presenti in Colombia: Lavazza, Barilla, Ferrero, Impregilo, Saipem, Iveco, De Longhi, Farmaceutici Zambon, Intimissimi, Diesel.

La Colombia e l’Italia hanno sottoscritto il Trattato sulle Doppie Imposizioni.

(Fonte: I.m.e.)

 

Se siete interessati a ricevere ulteriori informazioni sulla Colombia,

cliccate qui!

Share